Destinatari: Insegnanti di scuola primaria e secondaria, e di istituzioni formative. Il corso sarà differenziato in base alla tipologia di scuola di provenienza degli insegnanti o degli allievi (primaria, secondaria). Gruppi continuativi di 8/10 insegnanti che sentano il bisogno di sperimentarsi e confrontarsi relativamente ai problemi relazionali che possono insorgere nella propria esperienza professionale.

Obiettivi:
  • Mettere a fuoco le proprie modalità relazionali e comunicative ed i nodi problematici del ruolo di insegnante
  • Individuare situazioni critiche comuni sperimentandole attraverso l’azione scenica in maniera più adeguata e creativa
  • Prendere maggior coscienza delle proprie possibilità creative e delle proprie difficoltà professionali
  • Rafforzare la coesione tra gli insegnanti, dando ad essi un’occasione privilegiata di condivisione e confronto
Argomenti del corso:
La formazione degli insegnanti sarà gestita con modalità attive e verterà nello specifico sul proprio ruolo professionale, con l’obiettivo di mettere in comune contenuti, problemi, situazioni e temi ritenuti significativi dai partecipanti. Le modalità di conduzione terranno fermi alcuni criteri di fondo, quali la creazione di un clima di gruppo accettante e non valutativo e l’atteggiamento non interpretativo da parte del conduttore e del gruppo stesso.

Metodologia didattica:
In tutti i percorsi e laboratori formativi saranno utilizzate metodologie attive quali il sociodramma, drammatizzazioni, giochi di ruolo che si rifanno alla metodologia psicodrammatica classica di Jacob Levi Moreno, un metodo d’intervento rivolto a singoli individui e gruppi, che consente alla persona di esprimere, attraverso la messa in atto sulla scena, le diverse dimensioni della sua vita, di osservarle da diversi punti di vista e di stabilire dei collegamenti nuovi e costruttivi fra di esse. Verranno attivate esperienze di interazione tra i partecipanti e stimolato l’arricchimento delle capacità relazionali e l’ampliamento della consapevolezza e della conoscenza propria e dell’altro.
Con le metodologie attive si ‘vive’ globalmente un’esperienza che coinvolge corpo e mente, parola e azione, emozione e ragione, in un clima relazionale favorevole, che consente di mettersi in gioco con spontaneità e creatività. Si persegue lo sviluppo delle risorse e la realizzazione delle potenzialità, individuali e collettive.

Docenti:
Il corso sarà tenuto da Anna Ruscazio psicodrammatista dell'AIPsiM – Associazione Italiana Psicodrammatisti Moreniani.

Durata: 15 ore, suddivise in 5 incontri da 3 ore ciascuno

Costo: € 150,00 a persona (esente iva art. 10 DPR 633/72)

Sede:
  • Torino, Corso Francia 329
  • presso la propria scuola per gruppi di almeno 10 insegnanti

Per inviarci la tua pre-iscrizione compila il seguente modulo: Invia Pre-iscrizione

Introdurre alla conoscenza in base alle principali teorie della mente dei processi cognitivi e dello sviluppo neuropsicologico tipico ed atipico. In base alle diagnosi cliniche, costruire un piano educativo personalizzato che comprenda l’utilizzo di materiale informatizzato.

Questo portale web utilizza cookie e tecnologie analoghe, proprie o di terze parti, al fine di garantirne il corretto funzionamento e ottimizzarne l'esperienza d'uso.
Cliccando su "OK" o continuando a navigare nel portale si accetta implicitamente l'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni clicca su "Visualizza dettagli".
Se vuoi disabilitare l'utilizzo dei cookies accedi alla impostazioni del tuo browser, seguendo le indicazioni contenute in "Visualizza dettagli".